“Questa notte è la mia” di Alberto Damilano

ISBN: 9788830436046 collana La Gaja scienza pagine 254 disponibile in ebook

ISBN: 9788830436046
collana La Gaja scienza
pagine 254
disponibile in ebook

Non fare l’errore di pensare che tu e la malattia siate una cosa sola. Mai. Tu non sei la tua malattia. Lei ti appartiene, ma tu sei una persna. E lo sarai sempre, anche se lei ti dovesse portare via tutto.

Questa notte è la mia, edito Longanesi 2013, è il primo libro pubblicato di Alberto Damilano. L’autore, classe 1955, ha lavorato come medico esperto di tossicodipendenze e malattie mentali nella provincia di Torino, fino al 2009, quando si è ammalato di SLA. Oggi vive grazie alla respirazione e alla nutrizione artificiale, ma il movimento oculare gli consente di scrivere. Il sito dell’autore: http://grandeuno.blogspot.it/ Questa notte è la mia, pubblicato già nel 2011 da Ali&no editore sotto il titolo Stanotte è la mia, racconta, a metà tra autobiografia e finzione, la vita di un malato di SLA. L’anteprima del libro. La pagina facebook dedicata.

La recensione è a cura di Nicoletta  (ilcieloeseprepiublu)

Trama: A quarant’anni Andrea è un giornalista fallito che ha abbandonato da tempo ogni ambizione di vita e di carriera. La sua sembra una storia come tante: un lavoro che non lo soddisfa, una moglie che a stento gli rivolge la parola, amici pochi e probabilmente nemmeno buoni. Solo che a un certo punto la storia cambia, perché la vita toglie, la vita dà. E talvolta per dare non ha altro modo che toglierti ogni cosa in un istante. Per Andrea, l’istante è quello in cui scopre di essere affetto da una malattia che non nomina mai, una malattia che lo priverà giorno dopo giorno di un pezzo di vita: prima i piedi, poi le mani, quindi la parola, infine il respiro. Ma è proprio allora, proprio mentre l’acqua del guado minaccia di inghiottirlo, che Andrea si renderà conto che la riva va conquistata con fatica. E che per capire gli altri bisogna abbandonare la presa su se stessi, bisogna lasciare che la vita forzi la serratura che pensiamo ci protegga e che invece ci tiene prigionieri. Sarà su una sedia a rotelle, dunque, che Andrea aiuterà Francesco, un giovane collaboratore del giornale, in una pericolosa inchiesta sugli intrecci fra politica e criminalità, e insieme tenterà di rimettersi in gioco con la donna che ha accanto. Mentre il progredire della malattia lo spingerà ad affrontare ogni giorno qualcosa di diverso e a conquistarsi, a ogni nuovo respiro concesso dalla vita, il tempo per pensare, progettare, amare.

Annunci

Informazioni su Il libro del martedì

Il blog della pagina FB "Il libro del martedì"
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...