“Il canto delle cicale” di Danae Lorne

ISBN: 9788866901532 pagine 264  prezzo copertina € 14.00 disponibile in ebook € 2.99

ISBN: 9788866901532
pagine 264
prezzo copertina € 14.00
disponibile in ebook € 2.99

 

Giulia ha trentaquattro anni e una laurea in psicologia chiusa nel cassetto.

Si sente fragile e sola e nella quiete di una vecchia casa sul mare tenta di scrivere il suo primo romanzo, dove rievoca l’incontro con un uomo molto importante del suo passato, Robert.

Lei non si fida dello specchio per sentirsi bella, per sentirsi vera, deve riflettersi nello sguardo adorante dei suoi uomini per osservare la realtà della sua bellezza, del suo essere intimo. Ha un bisogno viscerale di sentirsi amata e paga un tributo sessuale in cambio d’affetto, amicizia, devozione, amore.

Un giorno conosce Alessio,un giovane e talentuoso pianista, suo nuovo vicino di casa.

La sua brillante amicizia la aiuterà a scuoterla dall’apatia e le permetterà di uscire dal guscio e di fare nuovi e importanti incontri ed esperienze amorose”.

Ho avuto il piacere di recensire un’altra pubblicazione di EEE molto interessante: “l’odore della felicità” di Simonetta Mannino. Libro straordinario, autrice che ho definito una delle più interessanti penne femminili del panorama letterario contemporaneo. Questo è il secondo libro che leggo della scuderia di Autrici pubblicate dall’editore Piera Rossotti Pogliano di questa casa editrice.

E, nuovamente, mi trovo a sorprendermi positivamente.

Questa autrice, Danae Lorne, della quale non si hanno notizie biografiche chiare per volere dell’autrice stessa, ha dato vita ad un libro particolare non tanto per stile o tematica, quanto per impianto narrativo. E’ un romanzo nel romanzo. La giovane donna protagonista sta terminando di scrivere un libro che l’ha impegnata per tre anni. In quelle pagine descrive una donna che ha un rapporto d’amore particolare con un uomo che le fa provare sensazioni intense. Questo sembra in contrasto con quello che avverte Giulia, la protagonista di “il canto delle cicale”, che appare apatica, delusa, disincantata, quasi in uno stato di ibernazione sentimentale. Il suo legame affettivo è in crisi e l’abbandono sarà inevitabile. Ma Giulia inizierà a relazionarsi con differenti uomini, vicini di casa o amici e questo le permetterà di capire cosa si era interrotto dentro di lei. Fino a razionalizzare che: Ho capito perché, dopo la morte di mia madre e l’abbandono di Andrea, ho messo in pausa la mia vita e mi sono lasciata cullare dalle braccia di tanti uomini che con il loro affetto mi davano quel conforto, quella soddisfazione che cercavo, che ognuno di noi cerca, ma che nessuno può trovare fuori da se stesso. Ho preteso equilibrio e stabilità dall’amore, li ho cercati per tanto tempo fuori di me stessa, nelle braccia solide di Fabrizio, nel calore di Felipe, nella complicità di Alessio e nella magia di Robert. Ma io non c’ero, mi ero persa, vivevo in loro e per loro, ma non c’ero”.

Un romanzo molto intimo e, forse, a tratti troppo, al punto di far provare al lettore, specialmente donna, una sorta di senso claustrofobico. Un rimuginare continuo, incessante che sfinisce. Tuttavia, alla fine della lettura, si comprende che proprio questo è uno degli elementi di pregio del libro, in quanto l’autrice riesce esattamente a rievocare nel lettore quella confusione e smarrimento sentimentale della protagonista.Dicevo che mi ha sorpreso l’impianto narrativo. Mi è parso che le due figure femminili principali (Giulia e la protagonista del sul libro) fossero le due facce di una stessa medaglia. Solo alla fine riescono a specchiarsi l’una nell’altra. Come se il libro dentro il libro fosse la rappresentazione dell’inconscio di Giulia che lei tentava di decifrare e di afferrare in quanto desiderosa di farlo conscio!

Il libro certamente è una lettura metaforica della difficoltà nel conquistare la propria maturità sentimentale, riuscendo a significare il concetto di Amore: Credo che l’Amore abbia molte facce, come un diamante multisfaccettato che racchiude in sé il senso profondo del nostro vivere, della nostra presenza in questo universo. Rifiutarlo o negarlo equivale a spegnersi. Quando due vite si incrociano, quando due anime si sfiorano e si riconoscono, l’universo si nutre di nuova linfa, di nuova energia e noi ci sentiamo vivi e veri perché è quello il momento in cui diventiamo parte del tutto, in armonia e luce.

Libro consigliato! Autrice con grandi potenzialità.

Biografia dell’autrice

il canto delle cicale” il primo romanzo dell’autrice Lorne Danae (pseudonimo) che si descrive in questo modo (dal libro stesso): “A volte mi sento così immensa che il mio minuscolo corpicino non è in grado di contenermi tutta,vorrei potermi scindere in mille frammenti e farli vibrare all’unisono… contemporaneamente, in modo da potermi saziare di tutto l’amore che voglio, di tutta la vita che spesso si dimena dentro di me, senza trovare vie di fuga.”

 

 

Annunci

Informazioni su Il libro del martedì

Il blog della pagina FB "Il libro del martedì"
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...