“Non vi sarà l’inferno” di Luigi Casa

ISBN: 9788848814744 pagine 364 prezzo di copertina €23,40

ISBN: 9788848814744
pagine 364
prezzo di copertina €23,40

Anche un romanzo storico può suscitare emozioni. Soprattutto se trasmette il messaggio che ci si possa ricongiungere un giorno con le persone care, oppure che i morti possano ancora comunicare con noi. È quanto è accaduto leggendo Non vi sarà l’inferno di Luigi Casa, edito da Lampi di stampa, nella collana TiPubblica del 2013.

Il narratore è Giovanni Rizzoli, un personaggio realmente esistito, poiché è stato un restauratore che ha avuto la fortuna di lavorare su opere di artisti famosi, quali Guercino, Paolo Uccello e Andrea del Castagno. Egli è nato nel 1799 a Pieve di Cento, un paese in provincia di Bologna, ed è morto nel 1878. Ma questo non sarebbe esatto, perché a narrare la storia è in realtà la “coscienza” di Giovanni Rizzoli, rimasta “intrappolata” in un suo ritratto, appeso in una stanza che gli appare sconosciuta. Il personaggio ha avvertito una sorta di “debito” con la vita che ha lasciato, poiché troppe cose sono rimaste in sospeso, e ora le vorrebbe chiarire. Racconta quindi la propria vita, mettendo a parte il lettore dei segreti che la sua famiglia ha custodito per moltissimi anni. Gli è rimasto un dubbio atroce, riguardante uno dei suoi figli, al quale forse non potrà mai dare risposta. Di conforto gli sono sempre stati i libri, poiché per tutta la vita egli è andato alla ricerca della saggezza, pur, a sua detta, senza mai trovarla. Nell’aldilà è testimone del fatto che le domande rimangono, e allora compito dell’uomo è trovare quella “verità” che va bene per sé, alla quale si vuole credere. Non importa se coincide con l’illusione. Fa sentire meglio e questo è l’importante. Giovanni Rizzoli aspira fortemente a credere che, qualunque peccato sia stato commesso, per l’uomo vi sarà sempre una redenzione.

Alla base di questo romanzo vi è una grande documentazione storica. Esso è costituito per metà da accadimenti reali, e per l’altra metà da pura invenzione. I nomi, per esempio, sono stati cambiati, tranne che per alcuni personaggi storici e lo stesso Rizzoli. Attraverso la narrazione della vita del protagonista, possiamo conoscere uno scorcio della nostra storia, di quell’Ottocento che ha segnato il passaggio dall’occupazione napoleonica al costituirsi dell’Unità d’Italia. Rizzoli appartiene al ceto medio borghese, il padre era un commerciante di stoffe. Narrato in prima persona dal suo “fantasma”, parla degli amori, delle nascite di figli legittimi ed illegittimi, e dei gravi lutti che hanno segnato la sua esistenza. Sullo sfondo, ci sono le città di Pieve di Cento, Bologna e Firenze.

Devo fare i complimenti all’autore, Luigi Casa, perché il suo stile è impeccabile. Per tutte la lunghezza del libro, non si nota mai una stonatura. Egli ha inoltre saputo tenere alta l’attenzione del lettore, pur parlando di vicende familiari e affrontando un romanzo corposo che, per il suo carattere storico, avrebbe potuto risultare noioso.

E se una volta morti, ci assalisse il dubbio di avere sbagliato tutto? Dal momento che non è possibile cambiare niente, non rimane che accettare il consiglio che ci dà l’autore, e scartare a priori l’ipotesi che l’inferno esista.

© Cristina Biolcati

Annunci

Informazioni su Il libro del martedì

Il blog della pagina FB "Il libro del martedì"
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Non vi sarà l’inferno” di Luigi Casa

  1. Pingback: “’Deh, perdona” di Monica Vincenzi e Luigi Casa | Il Libro del Martedì

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...