“L’autunno dell’anno prima” di Alessandra Zenarola

ISBN 9788889682630

ISBN 9788889682630
  Scrittura&Scritture (collana voci)
marzo 2014
Brossura
200 pagine
Prezzo € 13,00

“Al mare non dovrebbe piovere mai.
Tranne a novembre, quando dal pullman che fa sosta a Grado scende una donna esile con un ombrello rosso pomodoro. Ma lei cosa ci è venuta a fare al mare, in autunno?
Glielo chiede Elvina, una giunonica biondo platino che gestisce sull’isola la pensione Turchina insieme alla sua lunatica famiglia: suo marito, più vecchio di lei di quasi vent’anni, e il loro allampanato figlio. La laguna afflitta dalla bruma e da piogge interminabili, l’incontro di Domiziana con Darko, un bosniaco dal carattere schivo, le videochiamate con la figlia Nicole in America, si incastrano tra i flashback di questo romanzo ricco di colori, che con stile leggero ci fa viaggiare nelle storie delle sorelle Sparaviero, diverse per carattere, lontane per scelte di vita, eppure legate da una coincidenza che nessuna delle due avrebbe potuto neanche immaginare”.

L’autunno dell’anno prima di Alessandra Zenarola edito da Scrittura&Scritture è un romanzo impregnato dalla nostalgia romantica dei ricordi. È la storia di una donna, Domiziana, che fa un viaggio nei luoghi magici delle vacanze estive dell’infanzia. Un viaggio sulle orme del passato che del passato ci parla attraverso immagini delicate che ricordano le diapositive di una volta.

L’intreccio narrativo è interessante, ben costruito, una storia al femminile di riscoperta.

Un romanzo dallo stile raffinato, anche grazie al sapiente uso di immagini evocative, fluido, delicato che cattura fin dall’incipit. Una narrazione semplice, lineare, non banale.

I personaggi sono ben delineati con caratteri  ben definiti e anche in questo caso l’autrice è riuscita in modo egregio a ricostruire i tratti tipici della famiglia medio borghese italiana degli anni passati.

Anche l’ambientazione è ben descritta, ed anche se non tutti i luoghi sono raccontati con dovizia di particolari, l’autrice riesce a far sentire il lettore al fianco dei protagonisti.

L’autrice friulana ha creato una storia che cattura il lettore con il fascino dei ricordi, cullandolo per un po’ nella illusione che questi creano facendolo poi riflette  sul significato presente e, perché no, del futuro.

Un libro dal sapore dolce, ma non mieloso, ideale compagno per i prossimi pomeriggi estivi. Questo romanzo è entrato di diritto nei miei preferiti.

A mio parere Alessandra Zenarola è senza dubbio una scrittrice  emergente che merita di essere conosciuta dal grande pubblico

Recensione a cura di Désirée

Biografia dell’autrice

Alessandra Zenarola vive a Udine.
Oltre a scrivere frequenta le osterie del centro storico, fotografa la pioggia, tenta di leggere Proust e Céline perché si sente in colpa per non esserci mai riuscita.
Spazzola il suo gatto. Ogni tanto perde o recupera peso. Dimentica gli ombrelli al supermercato.
Ha pubblicato due romanzi, Il cow boy vanigliato(2003) e Un cuore di latta (2010), e una raccolta di brevi novelle, Smagliature (2008). Suoi racconti, finalisti o vincitori di concorsi letterari, sono presenti in antologie di autori vari.

 

Annunci

Informazioni su Il libro del martedì

Il blog della pagina FB "Il libro del martedì"
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...