“Il tredicesimo dono” di Joanne Huist Smith

ISBN 978881168826-6  Garzanti  Narratori Moderni  Traduzione dall'inglese di Elisa Ferrario  168 pagine  Prezzo € 14.90

ISBN 978881168826-6
Garzanti
Narratori Moderni
Traduzione dall’inglese di Elisa Ferrario
168 pagine
Prezzo € 14.90

In vista delle imminenti festività natalizia, vorrei consigliarvi un libro. “Il tredicesimo dono” è il romanzo d’esordio della giornalista e scrittrice Joanne Huist Smith, pubblicato nel novembre 2014 da Garzanti nella collana Narratori moderni. Si tratta di un’autobiografia, iniziata tanti anni prima sul diario dell’autrice, che proprio quest’anno ha deciso di condividere con noi.

Ci troviamo a Dayton, in Ohio, è il 1999 e mancano esattamente 12 giorni a Natale. Eppure in Jo, questo il soprannome della donna, non vi è alcuno spirito natalizio; anzi, solo una gran voglia di rimanere sdraiata sul divano e nascondere la testa sotto il cuscino, nel disperato tentativo che le luci, gli addobbi, le musichette e la corsa ai regali svaniscano, come per incanto. Joanne ha perso da poco più di due mesi l’amato marito Rick, morto nel loro letto, al piano di sopra, a causa di un attacco cardiaco. La tradizione del Natale era molto considerata prima della tragedia, in casa Smith, tanto che i preparativi fervevano con largo anticipo e soprattutto potevano contare sulla collaborazione di tutta la famiglia. Ed è proprio per questo “voler strare tutti assieme” che Rick ha rimandato un intervento chirurgico che avrebbe potuto salvargli la vita, desiderando far coincidere la sua convalescenza con le vacanze natalizie dei suoi figli. Ben, Nick e Megan sono i tre figli della coppia, anch’essi combattuti fra la rabbia e il senso di perdita per la prematura morte del padre e il desiderio di creare nuovi ricordi, di andare avanti con le loro vite e festeggiare il Natale. I tre ragazzi, rispettivamente di diciassette, dodici e dieci anni, sono molto preoccupati per la loro madre, diventata apatica ed assente.

Ma non sarebbe un racconto di Natale che si rispetti, se non avvenisse un miracolo. La mattina del 13 dicembre, Joanne viene svegliata all’alba dai suoi figli perché hanno perso l’autobus. Inizia così una rocambolesca corsa contro il tempo per arrivare puntuali a scuola, ma qualcosa blocca la famiglia sull’uscio di casa. All’ingresso, adornata da un grande fiocco, c’è una stella di Natale. Chi l’avrà mandata? Questo dono sarà il primo di una serie di regali che la famiglia Smith riceverà nei giorni successivi, e che il lettore si divertirà a scoprire insieme a loro. Un bigliettino, fatto a mano, riprende una famosa canzone di Natale, ed è puntualmente firmato in maniera misteriosa “I vostri veri amici”. Saranno proprio questi doni, all’inizio vissuti da Joanne come un fastidio, ma poi attesi con crescente entusiasmo, a riunire una famiglia che si era smarrita. A causa del grande lutto, stava andando in pezzi. A dare loro l’energia per vivere un nuovo Natale, mentre, seduti al tavolo a mangiare biscotti, si scambiano opinioni su chi possa essere il loro benefattore.

“Ho passato i mesi dalla morte di Rick dentro una bolla di dolore e paura. Ma negli ultimi undici giorni, avventurandomi fuori dal mio bozzolo protettivo, ho incontrato gente meravigliosa e diversa. Tutti mi hanno insegnato qualcosa in questo nuovo viaggio che ho intrapreso. Sono esperti nell’arte di andare avanti, perdonare gli errori e custodire i ricordi, anche se dolorosi. Ho ancora tanto da imparare”.

“Il tredicesimo dono” è un libro composto da 13 capitoli, tanti quanti sono i giorni che precedono il Natale. Attraverso una prosa semplice, ma altamente evocativa, Joanne Huist Smith ci comunica che, anche nei momenti più difficili, la vita trova sempre una nuova occasione per sorprenderci. Questa lettura ci apre gli occhi sulla gioia che ci circonda, anche nei periodi più impensabili, e ci fa comprendere che la cosa davvero importante è donare, senza aspettarsi nulla in cambio. In fondo, ogni giorno potrebbe essere Natale.

Struggente è il ricordo del marito Rick e commoventi le vicende di questi ragazzi, che si sforzano di tornare ad una parvenza di normalità. L’autrice, talvolta rasenta un po’ il vittimismo, ma in questo contesto è più che comprensibile. È quella disperazione che emerge e grida a gran voce, quando ci si rende conto di aver perso tutto e di dovere ricominciare daccapo. Per fortuna che esistono molte persone altruiste, che impediscono di sentirsi soli. Grazie a loro, l’autrice ha potuto dichiarare:

“Venite. Accompagnatemi. Vi racconterò il modo in cui la mia famiglia è cambiata per sempre, la confortante magia del tredicesimo dono”.

 

Recensione a cura di Cristina Biolcati

Annunci

Informazioni su Il libro del martedì

Il blog della pagina FB "Il libro del martedì"
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...